Home Entra Contatti Guida e Aiuti Rss
 
 
UNIRE

Unione Nazionale Imprese Recupero

UNIRE - Unione Nazionale Imprese Recupero all'interno di FISE, rappresenta a livello nazionale e comunitario le imprese che gestiscono attività di recupero e riciclaggio dei rifiuti.

Le imprese rappresentate svolgono in particolare operazioni di:

  • raccolta e trasporto di rifiuti destinati al recupero e riciclaggio
  • selezione, cernita, riduzione volumetrica, trattamenti per la valorizzazione di materia
  • stoccaggio, servizi connessi e commercializzazione dei materiali e prodotti ottenuti dai residui e dai rifiuti.
L'Associazione è stata costituita il 15 dicembre 2004 dalle imprese precedentemente inquadrate nel Settore Recupero di FISE Assoambiente, come risposta all’esigenza percepita dalle aziende del settore di una maggiore identificazione di un comparto con presenza diffusa sul territorio che richiede una forte rappresentanza sulle variegate esigenze presenti nelle singole filiere di recupero. L’obiettivo è quello di integrare le politiche delle diverse filiere, promuovendo sinergie per affrontare le comuni problematiche poste dall’attuale situazione di mercato e da un quadro normativo ancora critico e privo del necessario approccio sistemico.

Il carattere "trasversale" dell’Associazione consente infatti di sviluppare sinergie tra i settori associati, per l'elaborazione di progetti integrati, che necessitano del concorso e della collaborazione di tutti gli operatori del ciclo del recupero, come quello attualmente in corso per l'applicazione in Italia della normativa sui veicoli fuori uso, o come quello che verrà sviluppato per le apparecchiature elettriche ed elettroniche ed altri flussi di rifiuti.

Ad oggi i comparti del recupero rappresentati in UNIRE sono distinti in:
un’area relativa ai materiali di imballaggi (che costituiscono la tipologia predominante, anche se non esclusiva, dei rifiuti trattati), cui fanno capo:

  • GMR (vetro)
  • SARA (imballaggi in acciaio)
  • UNIONMACERI (carta)
un’area relativa agli altri prodotti a fine vita, in cui sono inquadrati:
  • AIRA (frantumatori autoveicoli)
  • ANPAR (aggregati riciclati)
  • UNIRIGOM (pneumatici)
  • ADA (demolitori autoveicoli)
  • ASSODEM (demolitori autoveicoli)
  • ASSORAEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche)
  • CONAU (abiti e accessori usati)

UNIRE aderisce, direttamente o tramite le Associazioni in essa presenti, a:

  • FEAD (Federazione europea per la Gestione dei Rifiuti e dei Servizi Ambientali) che rappresenta a livello comunitario le associazioni nazionali di settore
  • BIR (Bureau of international recycling) per le attività di recupero
  • ERPA (Associazione europea per il recupero della carta) tramite UNIONMACERI
  • FERVER (Associazione europea per il recupero del vetro)


L’Associazione è impegnata nel perseguimento di diversi importanti obiettivi, tra cui:

  • l’apertura e la liberalizzazione del mercato dei servizi ambientali (che in Italia soffre ancora di situazioni diffuse di privilegio a favore dell’operatore pubblico)
  • la qualità dei materiali recuperati, lo sviluppo delle applicazioni di tali materiali e la creazione di nuovi sbocchi di mercato (specie tramite il green procurement pubblico e privato)
  • la qualificazione delle imprese e il mantenimento di elevati standard ambientali da parte delle stesse, nonché la promozione dei controlli necessari a contrastare i traffici illeciti e le attività non in regola con le norme e gli standard ambientali, che si pongono in concorrenza sleale con le aziende “serie”
  • il rafforzamento della responsabilità dei produttori dei beni in relazione alla gestione e al finanziamento del fine vita dei medesimi


In generale, l’Associazione punta a far sì che le politiche del riciclo e la rappresentanza dei riciclatori abbiano il giusto peso nelle scelte e nelle politiche governative, degli organismi e dei sistemi di gestione dei rifiuti, in coerenza con i principi e le indicazioni comunitarie, in particolare “chi inquina paga” e il principio della responsabilità del produttore dei beni, e con la gerarchia delle forme di gestione stabilita a livello europeo.


UNIRE

  • rappresenta e tutela gli interessi degli associati in materia di legislazione e politica ambientale ed economica
  • svolge nei confronti delle Istituzioni politiche e degli organismi sociali, tecnici, economici nazionali ed europei il ruolo di interlocutore rappresentativo della pluralità degli interessi dei soggetti attivi nei servizi di recupero e riciclaggio
  • assicura una puntuale informazione e assistenza sulle tematiche normative, tecniche ed economiche del settore e sviluppa mirate iniziative, promuovendo, in relazione alle esigenze, incontri e seminari, gruppi di lavoro interni e interassociativi anche per la definizione di documenti di posizione e di proposte in merito, di supporto alle attività di lobby istituzionale in particolare sulle rappresentanze istituzionali
  • assiste le imprese associate, con il supporto della rete territoriale di Confindustria, nella risoluzione di problematiche, anche a livello locale, inerenti l’applicazione delle normative ambientali, fiscali, sui servizi pubblici e in materia applicazione degli accordi nazionali di settore
  • elabora studi e analisi sul mercato e sulle sue diverse articolazioni: in particolare, UNIRE ogni anno elabora il Rapporto “Italia del Riciclo”, l’osservatorio sull’andamento dell’industria e dei mercati del recupero in cui le organizzazioni dei singoli comparti del recupero forniscono un quadro delle dimensioni, tendenze e problematiche dei rispettivi settori (carta, vetro, plastica, gomma e pneumatici fuori uso, legno, allumino, imballaggi in acciaio, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, pile e accumulatori, oli minerali e vegetali, frazione organica, tessile, veicoli fuori uso, rifiuti inerti da costruzione e demolizione).
La Brochure
Newsletter di UNIRE
Iscriviti
alla Newsletter
Inserisci la tua email per ricevere gli aggiornamenti dell'Area Pubblica e Privata
 
Aderisci
ad UNIRE
 
made in Dinamiqa