Sezione Imballaggi

La Sezione imballaggi di FISE UNIRE nasce al fine di realizzare una rappresentanza per la tutela di tutte le imprese attive nel settore della raccolta e del recupero, riciclaggio e commercializzazione dei rifiuti di imballaggi (carta, plastica, vetro, legno, acciaio e alluminio), nonché delle frazioni merceologiche similari.

A tal fine l’Associazione:

  • è presente ai più importanti Tavoli istituzionali di interesse del settore (Conai e Consorzi di filiera, Ministeri Ambiente e Sviluppo economico, Albo Gestori Ambientali, organismi di normazione tecnica, Camere di commercio ecc.);

  • partecipa attivamente alle iniziative promosse dagli Enti e delle Istituzioni pubbliche e private di riferimento (Commissioni Parlamentari, Ministeri, Regioni, ISPRA, Associazioni di categoria...);

  • a livello europeo, aderisce ad EuRIC, la Confederazione europea dell’industria del riciclo;

  • cura l'elaborazione del Rapporto Annuale “L’Italia del riciclo”, nonché documenti di posizione sulle problematiche e le opportunità di sviluppo del settore del riciclo e recupero dei rifiuti in generale e degli imballaggi in particolare.

Sezione Imballaggi

Al fine di supportare le imprese nel rispetto degli obblighi e delle disposizioni in campo ambientale, con specifico riferimento ai rifiuti di imballaggi, l’Associazione:

  • segue l’evoluzione delle normative, nazionali ed europee, relative all’organizzazione e alla gestione del sistema degli imballaggi, dei consorzi e delle raccolte differenziate, all’assimilazione, al contributo ambientale, alla tariffa, alle procedure per l’esportazione e più in generale a tutti gli adempimenti necessari all’operatività aziendale (Albo, Mud, Formulari, Autorizzazioni, ecc.);

  • garantisce la possibilità di partecipazione gratuita agli incontri e seminari promossi dall’associazione su temi di interesse del comparto (ad es. in materia di: SISTRI, AIA, Albo, EPRTR, bando INAIL, responsabilità d'impresa ai sensi della Legge 231, EoW, normativa europea, ecc.);

  • fornisce assistenza e consulenza sulle tematiche tecnico-giuridiche relative al settore dei rifiuti e delle materie prime secondarie (anche a carattere fiscale grazie alla Convenzione stipulata da FISE con ASSONIME);

  • elabora informative e Circolari di aggiornamento per i Soci, note e presentazioni delle problematiche di settore;

  • informa sui principali canali di finanziamento e di agevolazione previsti a livello nazionale e comunitario a sostegno dell’economia circolare, grazie anche alla convenzione stipulata con ENEA;

  • favorisce ed assiste gli associati nel ricorso alle certificazioni dei prodotti ottenuti con materiale riciclato e nell’attuazione della normativa relativa ai criteri minimi ambientali nelle forniture.

I traguardi che l’Associazione intende raggiungere con il concorso e la collaborazione dei propri associati sono:

  • favorire la presenza delle imprese del settore del riciclo e recupero degli imballaggi e delle frazioni similari sul mercato nazionale ed internazionale;

  • sviluppare un sistema trasparente e aperto, basato su requisiti minimi delle piattaforme in termini di potenzialità impiantistica, efficienza organizzativa e qualità dei processi e dei prodotti;

  • migliorare gli standard di qualità nei sistemi di raccolta, recupero e selezione degli imballaggi, anche attraverso l'innovazione tecnologica e i sistemi di qualità;

  • contribuire al riequilibrio del mercato anche in fasi recessive della domanda, puntando alla sostenibilità economica delle attività di recupero;

  • favorire la libera concorrenza attraverso un confronto a parità di condizioni tra operatori privati e pubblici, riducendo i privilegi attualmente in capo a questi ultimi (quali sovvenzioni pubbliche e agevolazioni normative) e limitando il campo dell’assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani;

  • superare l'emergenza rifiuti nel nostro Paese anche attraverso il coinvolgimento delle aziende private;

  • promuovere la creazione di nuovi sbocchi per i prodotti riciclati, anche attraverso il Green Public Procurement e gli acquisti “verdi” della Pubblica Amministrazione;

  • contribuire alla definizione e all’applicazione di un quadro normativo certo, efficace e sostenibile, in particolare per quanto riguarda gli adempimenti necessari all’operatività delle aziende, le procedure per l’export, nonché l’organizzazione e gestione del sistema per il recupero degli imballaggi.